Costruito su uno sprone roccioso, domina dall’alto la valle del torrente Ceserana. Nel castello di Capraia, distrutto nella prima metà del trecento, durante le lotte tra lucchesi e pisani, viene ricordato, già nel 1168, un romitorio intitolato ai SS. Jacopo e Cristoforo e nel 1260 figura un S. Cristoforo di Capraia, nel registro della pievania di Fosciana.

Una chiesa con la stessa titolazione risulta “destructa” nella Visita Pastorale della Diocesi di Lucca dell’anno 1467, ma poi torna ad essere menzionata fino al 1658. Nel 1716 viene aggiunta la titolazione attuale di S. Maria, da un preesistente santuario di cui resta tuttora il campanile cinquecentesco. Unita alla parrocchia del  Sillico, Capraia passò a far parte della nuova Diocesi di Massa nel 1822 ed è stata reintegrata nelle pertinenze della Diocesi di Lucca solo nel 1992. La chiesa attuale è stata riedificata nel 1871 su disegno del Conte G. Carli. E’ stato recentemente ristrutturato grazie al lavoro dei volontari e ospita al suo interno una “Madonna con Bambino” di Pietro da Talada.

PER INFORMAZIONI

Eremo S. Maria in Capraia

Pagina Facebook

email eremodicapraia@gmail.com

Don Fulvio Calloni tel +39 349 2738023

eramocapraia-madonna

Dove Dormire

Dove Mangiare

Perchè non visitare anche: