Italiano | English | Deutsch | Aumenta + | Diminuisci -

Cerca nel sito
Siti istituzionali
Frutti Antichi

Come la mela casciana, quella del giappone, le sorbe, le pere verdine o quelle dal macon, tante varietà locali che agricoltori custodi stanno conservando per non perdere i sapori di una tradizione antica. E ancora, profumatissimi e colorati, i frutti di bosco: mirtilli, more, ribes, lamponi, fragole mangiati freschi, con la ricotta o il gelato, trasformati in confetture e sciroppi per portare nel freddo e lungo inverno il ricordo del caldo sole dell’estate. Uno dei pochi liquori, oltre alla grappa, presenti nelle case, era il Maraschino, ottenuto facendo macerare al sole le ciliegie marasche, a cui va lasciato un pezzetto di picciolo, messe in un vaso con lo zucchero. Quando lo zucchero è ben sciolto (circa tre giorni) si aggiunge una miscela di sassolino, rhum anice e cognac. Si lascia riposare per almeno un mese.


LA RICETTA CLASSICA

Finito di cuocere il pane nel forno a legno, quando la temperatura del forno scende, si inforna una teglia di mele e di pere a cui è stato tolto il torsolo, la frutta lentamente caramella sprigionando un profumo unico e dopo circa mezz’ora è pronta per essere portata in tavola per la gioia di grandi e piccini. E se proprio vogliamo esagerare, rivestiamo i frutti con del cioccolato fuso.

Foto del mese
Feed RSS

Stai abbandonando il sito Turismo Garfagnana. I contenuti dei siti che andrai a visitare non dipendono dalla Comunità Montana della Garfagnana. Intendi continuare?