Si aprono i metati e i mulini ad acqua lavorano a pieno regime. Così Castelnuovo di Garfagnana  si appresta ad ospitare un intero week-end dedicato alla castagna che farà da apripista agli eventi in programma nel periodo natalizio.
Sabato 2 e domenica 3 dicembre torna “Castelnuovo Città della Castagna”, la manifestazione organizzata dal Comune di Castelnuovo di Garfagnana in collaborazione con Unione Comuni Garfagnana e Associazione Autieri Garfagnana,  che festeggia l’arrivo sul mercato della farina di neccio della Garfagnana DOP (il disciplinare di produzione, infatti, prevede che questo prodotto venga messo in commercio a partire dal 1° di dicembre).
Sarà un fine settimana dedicato alle mondine (caldarroste) e alle degustazioni dei piatti più caratteristici realizzati con la farina di castagne: frittelle di neccio, necci con la ricotta, castagnaccio, bomboloni; ma, soprattutto, la famosa polenta di neccio con gli ossi di maiale: il piatto più tipico della tradizione garfagnina che, con il suo contrasto dolce-salato, riesce a sorprendere i palati più raffinati.
Da segnalare il tradizionale appuntamento sotto il Loggiato Porta, con la preparazione della “Mandolata” – il croccante a base di noci e miele, che celebra la festa di Santa Lucia il 13 dicembre , la rassegna corale “Aspettando il Natale…” con il Coro Voci del Serchio, sabato alle ore 21 presso il Duomo dei SS Pietro e Paolo e il concerto della Filarmonica G. Verdi “Note d’autunno”
domenica alle ore 21 al Teatro Alfieri.
Non solo attrazioni, ma anche tour sul territorio. La Proloco di Castelnuovo, infatti, organizza per
la giornata di sabato, dalle ore 14.30 alle ore 16, una visita guidata del centro storico di Castelnuovo di Garfagnana, con i suoi principali monumenti ed attrattive; mentre per la giornata di domenica, dalle ore 10.30 alle ore 13, propone “Castelnuovo in Castagna”; – un trekking urbano tra le castagne -, un tour guidato del centro storico di Castelnuovo e una visita al castagneto di
Perdonica. Su richiesta, sarà inoltre possibile visitare un metato attivo dove vengono essiccate le castagne con metodo tradizionale e conoscere le fasi della castagna e la sua lavorazione. Le visite, in questo caso, includono un assaggio gratuito di polenta di neccio offerto dall’Ass. Autieri Garfagnana.
E mentre il mercatino dell’artigianato e dei prodotti tipici e i negozi aperti invitano già ai primi acquisti, si scalda l’atmosfera in vista del Natale con l’accensione dell’albero in piazza Umberto I, l’inaugurazione del Villaggio di Babbo Natale in piazza Carli e di “Castelghiaccio” in piazzale Chiappini che resteranno aperti fino al 6 gennaio.
“La città di Castelnuovo – dichiara il presidente dell’Unione Comuni Garfagnana Andrea Tagliasacchi – si prepara a vivere due giorni intensi e di grande richiamo in anticipazione delle feste natalizie. La castagna sarà al centro di questo week-end, ricco di sapori e tradizioni, che ci rimanda alle radici della nostra terra. Alimento importantissimo del nostro recente passato, la castagna è stata infatti per lungo tempo alla base dei piatti poveri di coloro che vivevano in montagna. Oggi questa manifestazione assume un valore identitario e comunitario per la Garfagnana che, in autunno, veste il suo abito migliore sfumando i suoi boschi di una ricca gamma di colori”.